Città di Mantova
Home

Mi leggi una storia?

Thursday 05 February 2015


 

MI LEGGI UNA STORIA?

Leggimi subito, leggimi forte
Dimmi ogni nome che apre le porte
Chiama ogni cosa, così il mondo viene
Leggimi tutto, leggimi bene
Dimmi la rosa, dammi la rima
Leggimi in prosa, leggimi prima

(Bruno Tognolini)

 

 

Letture Barattole

Con i lettori volontari della Biblioteca Baratta
e del Sistema Bibliotecario Grande Mantova
coordinati da Simonetta Bitasi e Sara Calciolari

Date per Febbraio
Sabato 14,21,28

Date per Marzo
Sabato 7, 14,21,28

Date per Aprile
Sabato 11,18

Date per Maggio
Sabato 9,16,23,30

a cura dell’associazione BibliOfficina

Ultimo aggiornamento ( Friday 27 March 2015 )
Segue...
 

Verso Calendimaggio

Monday 02 April 2012


Proseguono gli attesi incontri con
il M° Luigi Sguaitzer


Sala delle Colonne "Peppino Impastato"
ore 16.30

Lunedì 16 marzo
Il mese Mariano: chiese mantovane dedicate alla Madonna

Lunedì 23 marzo
Lunedì 13 aprile
Il 1° Maggio: lavori e lavoratori in città

Lunedì 27 aprile
Il 24 Maggio: Mantova durante la Prima Guerra Mondiale

Il tutto attraverso la totponomastica e le cartoline di Sergio Simonazzi.

Per informazioni:
tel. 0376-352711

Ultimo aggiornamento ( Tuesday 24 March 2015 )

Mi... saggi al Baratta

Wednesday 17 September 2014

Gruppo di lettura dedicato alla saggistica
a cura di Simonetta Bitasi
ore 18.00

venerdì 26 settembre
Lettori di saggi, lettori di romanzi

primo incontro informativo e consegna di
Armi acciaio e malattie di Jared Diamond

venerdì 23 gennaio
Un’eredità di avorio e ambra di Edmund De Waal
a cura di Nicoletta Azzi

venerdì 27 febbraio
Televisione di Carlo Freccero
a cura di Francesca Paoletti e Simonetta Bitasi

venerdì 27 marzo
Le cinque equazioni che hanno cambiato il mondo di Michael Guillen e in particolare l’equazione di Faraday.
a cura di Valentina Pavesi 

venerdì 17 aprile
Il simposio di Platone
a cura di Milena  Bernardelli

venerdì 29 maggio
La cucina italiana di Massimo Montanari
a cura di Tiziana Silvestrin

 

Ritengo che saprebbe scriversi da sola, una storia del genere. Basterebbe inanellare qualche aneddoto dalle tonalità seppia, approfondire il racconto dell’Orient-Express, colorare la vicenda con i vagabondaggi per le strade di Praga o qualcosa di altrettanto fotogenico, aggiungere qualche ritaglio sulle sale da ballo della Belle Epoque recuperato da Internet… e voilà. Il risultato sarebbe un resoconto nostalgico. Nostalgico e inconsistente. Io, invece, non ho diritto alla nostalgia rispetto a quei vasti patrimoni perduti e al fascino di un secolo fa, e per di più non mi interessa l’inconsistenza. Io voglio scoprire quale rapporto ha legato questo oggetto di legno che mi sto rigirando tra le dita duro, semplice solo all’apparenza, giapponese ai luoghi che ha attraversato”

(Edmund De Waal)

 


Ultimo aggiornamento ( Tuesday 24 March 2015 )
Segue...
 
 

Inoltre...